Eurozona, prosegue la crescita su ritmi moderati

opzioni binarie trading

La scorsa settimana, i dati preliminari sul prodotto interno lordo hanno confermato che la ripresa dell’Eurozona prosegue in media a ritmi moderati e come da attese (0,35 per cento su base trimestrale, 1,6 per cento su base annua nel terzo trimestre), anche se non sono mancate sorprese a livello paese. Le indicazioni dagli uffici di statistica nazionali suggeriscono: una riaccelerazione dei consumi privati, fatta eccezione per la Francia; protratta debolezza degli investimenti in macchinari e un contributo blando dell’export, in media, anche se il commercio estero ha spinto la crescita in Olanda e Portogallo.

Le indagini di fiducia di settembre e ottobre hanno segnalato una crescita più vivace del manifatturiero e del PIL da fine 2016, grazie al rimbalzo della domanda dall’estero. Sarà da verificare se le prospettive di miglioramento della domanda mondiale saranno confermate nei prossimi mesi, data l’incertezza sulle politiche di commercio estero della legislazione Trump.

Se pure la crescita del PIL dovesse salire a 0,4-0,5 per cento su base trimestrale nei prossimi trimestri, il 2017 chiuderebbe a 1,6 per cento, come nel 2016, sebbene sopra l’1,4 per cento di Consenso. Il ritmo di riduzione dell’eccesso di offerta aggregato sarebbe più lento rispetto al periodo 2014-15, come nota la Commissione Europea nelle stime d’autunno e resterebbe marginalmente negativo a -0,2 per cento anche a fine 2018 dal -3,4 per cento del 2009.

Come è noto, vi è ampio margine di incertezza sulle stime di output gap. L’OCSE a giugno stimava che l’eccesso di offerta nell’area euro potrebbe essere più vicino a -0,7 per cento. Le indagini di fiducia suggeriscono che la carenza di domanda rimane un fattore di impedimento alla produzione anche se meno che in passato. La BCE in un lavoro recente stima che l’output gap coerente con la dinamica dell’inflazione Eurozona nel 2014-15 è del 6 per cento, circa il doppio rispetto alle stime della Commissione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *