Frutta e verdura? Meglio venderla in cartone: ecco perchè!

frutta-e-verdura

Siete davanti a un supermercato particolarmente assortito, e il reparto di frutta e verdura trabocca di merce. Quale scegliere? Secondo uno studio basato sull’eye tracking, sviluppato dalla società di marketing berlinese EyeSquare, commissionato dall’associazione tedesca che raggruppa i produttori di imballaggi in cartone ondulato, promosso in Italia da Bestack (il consorzio nazionale dei produttori di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta), a vincere sono sicuramente le confezioni e gli imballaggi in cartone ondulato personalizzati con stampe.

Sul perchè di tale vittoria, gli studiosi di marketing segnalano che gli alimenti contenuti in questo packacing vengono percepiti come più genuini, sostenibili e naturali rispetto a quelli che si trovano in cassette di plastica monocolore.

Per supportare questa convinzione – ricordava il quotidiano Italia Oggi – Eye-Square ha analizzato infatti il comportamento di un campione di consumatori, ai quali è stata consegnata una lista della spesa che comprendeva, fra l’altro, caffè, dolci, ortaggi e frutta, in un supermercato, dove sono state simulate diverse esposizioni, nelle quali i prodotti sono stati presentati in quantità uguale per ogni tipologia di imballaggio.

A questo punto, ai clienti è stato chiesto di fare la spesa indossando un particolare tipo di occhiali in grado di monitorare i movimenti oculari e il lasso di tempo in cui lo sguardo si sofferma sui diversi tipi di confezione. In altri termini, occhiali che permettono di individuare che cosa si sta guardando in ogni momento e con quale livello di attenzione, attraverso la registrazione della dilatazione e della contrazione delle pupille.

Ebbene, dal test è emerso in maniera chiara che le confezioni stampate in cartone ondulato sono state notate dal triplo degli acquirenti rispetto alle ordinarie cassette in plastica verdi, o rispetto a imballaggi più tradizionali.

Alla fine del test ai partecipanti sono inoltre state sottoposte alcune domande, a margine delle quali è emerso che il 90% degli intervistati ritiene tale materiale riciclabile, il 77% trova che accentui il carattere naturale di ciò che viene proposto, il 71% pensa che sottolinei la sostenibilità dei prodotti.

Per più di 6 acquirenti su 10, il cartone migliorerebbe la sensazione di freschezza, rendendo i prodotti più sani (e, dunque, influenzando positivamente le vendite, che per tali contenuti sono cresciute del 14% rispetto ai prodotti venduti con altri imballaggi). Per un terzo degli intervistati rimane invece la preferenza dei prodotti presentati all’interno di cassette di plastica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *