Nuova epoca per i Frecciarossa

Si sta per aprire una nuova era per i Frecciarossa, che con i suoi 1000 andranno a proporre 8 corse a partire dal prossimo mese di giugno, debuttando altresì sulla linea Milano Roma: il primo viaggio è stato inaugurato avendo a bordo il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio, e rappresenta la punta di diamante della nuova espansione dell’Alta velocità ferroviaria nel mercato passeggeri di lunga percorrenza.

Sul perché si parli apertamente di eccellenza, dalle parti di Fs, è abbastanza chiaro. Tanto che il presidente della società, Marcello Messori, ha più volte ricordato che oltre all’impatto ambientale contenuto garantito dal treno, è anche la sua compatibilità con tutte le reti europee e la conseguente possibilità di aprire un’ulteriore stagione di concorrenza e di competizione europea a rappresentare uno dei principali valori aggiunti.

In aggiunta, il treno può vantare alcuni dei migliori standard tecnici presenti sul mercato, e si appresta altresì a rendersi maggiormente appetibile con il nuovo orario estivo, a partire dal quale saranno garantite otto corse al giorno sulla linea TorinoMilanoRomaSalerno. A dicembre, con l’orario invernale, le corse garantite con il nuovo treno diventeranno ben 22.

E i prezzi? Stando a quanto rivela la società, i costi rimarranno invariati rispetto ai viaggi con il Frecciarossa 500. A proposito dei Frecciarossa 500, i vecchi treni che si libereranno dalla dorsale MilanoRoma (sostituiti dai più moderni Frecciarossa 1000) verranno impiegati su tre direttrici: TorinoVenezia, RomaVenezia e linea adriatica.

“Il trasporto ferroviario è passato da una quota de136% nel 2008 a una quota del 63% nel 2013 sulla linea Roma-Milano e pensiamo che con il nuovo treno questa quota potrà crescere ancora” – dichiarano ancora da Fs, lasciando intendere quali siano le mire del prossimo futuro. Per Messori, il nuovo treno “chiude una stagione delle Fs e ne apre una nuova, è un ponte ideale tra la modernizzazione dell’azienda e la privatizzazione e l’apertura al mercato”. Soddisfatte anche le parti politiche, con Delrio che ha ringraziato Mauro Moretti per avere “creato un gruppo Fs di cui l’Italia va fiera, sperando che possa fare lo stesso a Finmeccanica”.

Ad ogni modo, come prevedibile che fosse, non mancano gli scettici, e coloro che ritengono di voler vedere realmente alla prova il servizio dei Frecciarossa 1000 (senza presidente della Repubblica a bordo) per poter effettuare una valutazione qualitativa più attenta. Voi che ne pensate? Siete fiduciosi in questa nuova era Trenitalia? Vi convince pienamente?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *